Testimoni dell’orrore

La mattina del 10 ottobre, ad Ankara, un attentato dinamitardo ha ucciso 100 persone, ferendone tre volte tanto. In città, a poca distanza, c'era la squadra del Vero Volley Monza impegnata in un torneo. La testimonianza di Giò Antonelli, addetto stampa

Toccare l’orrore con mano. Vederlo, sentirlo, condividerne dolore, choc e sofferenza. La mattina del 10 ottobre, ad Ankara, un attentato dinamitardo ha cancellato le vite di oltre 100 persone, ferendone tre volte tanto. In città, a poca distanza, c’era la squadra del Vero Volley Monza impegnata in un torneo. La testimonianza di Giò Antonelli, addetto stampa della società.

Ricevi notifiche in tempo reale sul tuo dispositivo. Riceverai 1 notifica al giorno con la notizia di punta.