Varese e Cantù, il pranzo che sa di leggenda

Le vecchie glorie delle due squadre si sono sedute a tavola insieme e Marzorati ribadisce: «Che tristezza i derby di oggi, sempre senza i tifosi ospiti»

Sono le 12.30 quando Rete55 approda al mitico ristorante Da Berti di Milano. La sala è già gremita. L’atmosfera è festosa e festiva. Nell’aria si respira l’inconfondibile profumo della Leggenda. Il pranzo, organizzato da Acqua San Bernardo con l’imprescindibile supporto di Pierluigi Marzorati e Toto Bulgheroni, mette allo stesso tavolo le colonne di Pallacanestro Varese e basket Cantù. È roba da tremare i polsi. Mentre sullo schermo corrono le immagini della grande Ignis e dei match canturini, a tavola volano battute e ricordi, aneddoti e confidenze.
Elencare tutti i presenti è impossibile. A scrivere la storia del basket basterebbe uno di loro. Invece ci sono tutti, o quasi. Qualcino, come Bob Morse e Manuel Raga invia i propri saluti dall’altra parte del Mondo. Altri ci incantano con il potere della genuinità. Perché quando si è davvero campioni, lo si rimane per sempre…

Ricevi notifiche in tempo reale sul tuo dispositivo. Riceverai 1 notifica al giorno con la notizia di punta.