Autonomia, ore decisive

L'assessore regionale Galli alle prese con la partita del secolo: burocrati permettendo

“Sono ottimista, ma il braccio di ferro è all’ordine del giorno. E non tanto per questioni politiche, o per la presunta ostilità dei Cinque Stelle. Quanto per l’ostruzionismo degli apparati, degli alti dirigenti e dei funzionari del Ministero, intenzionati a frenare il processo”. Così, in poche parole, Stefano Bruno Galli, assessore alla Cultura di Regione Lombardia e “regista” dell’operazione Autonomia, illustra a Rete55 i nodi ancora da sciogliere. E le resistenze da vincere.

Ricevi notifiche in tempo reale sul tuo dispositivo. Riceverai 1 notifica al giorno con la notizia di punta.