Sisma e pandemia: “le ferite aperte” della Valnerina. Dai luoghi di Santa Rita l’appello, “ci si salva insieme mai da soli

Non è possibile fare a meno degli altri - Tenere alta la speranza - Un legame mai reciso - “Clausura non chiusura”.

“Sisma e pandemia sono due ferite aperte di questa terra. È una prova dura”. Parlano la Madre Priora del Monastero Santa Rita da Cascia, suor Maria Rosa Bernardinis, agostiniana, e il pro-rettore del Santuario di Roccaporena, don Canzio Scarabottini, che ricordano il terremoto del 24 agosto 2016 e la pandemia Covid-19. Il messaggio: “

Ricevi notifiche in tempo reale sul tuo dispositivo. Riceverai 1 notifica al giorno con la notizia di punta.