Livermore mette Le Bettole a… Ferro e Foco

Il famoso regista, reduce dal trionfo alla prima della Scala con Tosca, festeggia a Mondo Galoppo il secondo successo del suo puledro di belle speranze

A un anno dalla sua riuscitissima regia dell’Attila di Verdi, Davide Livermore ha inaugurato di nuovo la stagione della Scala con la Tosca di Puccini, mai rappresentata nella giornata di gala del 7 dicembre, raccogliendo valanghe di applausi e unanimi consensi.
Subito dopo il successo scaligero, il regista torinese di origini inglesi (il nonno Roberto e il bisnonno Palmiro facevano i fantini ed erano di Newmarket – Suffolk) è volato in Oman per rappresentare Il Flauto Magico di Mozart ma il suo cuore è rimasto a Varese per accompagnare il suo Ferro e Foco verso la seconda vittoria in carriera, raccolta mercoledì 11 dicembre alle Bettole, nel Premio Scuderia Castelverde – Fiorillo, discreto handicap sui 1400 metri della pista in sabbia. Il puledro, figlio di Muhaarar e New Providence, è stato ben interpretato dal fantino Silvano Mulas e si è imposto agevolmente, con sei lunghezze di vantaggio, su Sopran Chris, secondo.
Ferro e Foco, allenato da Bruno Grizzetti, aveva centrato il primo successo sempre alle Bettole, il 13 novembre, in una prova per velocisti, il Premio Quartirolo, sui mille metri della pista in erba. Livermore ne parla, in collegamento telefonico dall’Oman, nella ventitreesima puntata di Mondo Galoppo, raccontando gustosi aneddoti.
La trasmissione di Filippo Brusa, di cui sono ormai presenze fisse l’amazzone Virginia Tavazzani e l’opinionista tecnico Gian Marco Zanzi, accoglie anche una telefonata di Emiliano Piccioni, direttore dell’ippodromo di San Rossore, dove domenica 8 dicembre è andato in scena il Criterium Pisa, vinto nettamente da Sicomoro, e dedica la copertina al gentleman rider Graziano Pedersoli, autore di un pregevole doppio alle Bettole con Keep Right e Mr Business.

Ricevi notifiche in tempo reale sul tuo dispositivo. Riceverai 1 notifica al giorno con la notizia di punta.