Perdite di tempo e confusione, ma tu paga…e TASI!

Possibile impiegare un mese per pagare una tassa da 7 euro? Ovviamente, no. Ma è quello che sta capitando con l'ultima trovata della Burocrazia nazionale: la TASI.

Si scrive TASI, si legge grattacapo. La tassa sui servizi indivisibili (illuminazione pubblica, manutenzione delle strade, ecc…) è un pianeta a sè. Poco onerosa in termini economici, l’imposta si rivela spaventosamente costosa in termini di tempo (perso) e complicazioni (infinite). “Basti dire – commenta il presidente di Confartigianato Davide Galli – che l’applicazione della tassa cambia da un Comune all’altro e che alcuni imprenditori restano in ballo un mese, tra carte e sportelli, per pagare pochi euro di tassa”.

Ricevi notifiche in tempo reale sul tuo dispositivo. Riceverai 1 notifica al giorno con la notizia di punta.