Sacro Monte, una rassegna oltre ogni barriera

Per l'edizione di Luglio, il team di Andrea Chiodi cambia location, spostandosi alla 14a cappella, più spaziosa e in grado di ospitare in sicurezza 500 spettatori. Preziose le sinergie con Camera di Commercio, Comune, Villa Panza e una serie di imprese. Esordio con Massimo Recalcati. A Karakorum il compito di "esportare" il cuore narrativo nei rioni di San Fermo e Avigno

Tra Sacro e Sacro Monte è una rassegna artistica, ma anche un crocevia socioculturale capace di accomunare realtà di diversa origine e natura, mettendo insieme grande e piccolo, centro e periferia, teatro e impresa, pubblico e privato, sacro e profano.

Quest’anno la rassegna di Andrea Chiodi lascia la Terrazza del Mosè e approda alla 14° cappella, più spaziosa, sicura e capiente.

Imprescindibile il supporto del Comune, che metterà dei bus navetta a disposizione del pubblico, della Camera di Commercio, di Villa Panza, che farà anche da sontuosa location, e di una pattuglia di piccole imprese locali che credono nella Cultura quale volano economico e territoriale.

All’associazione gemmata dalla rassegna il compito di raccogliere e organizzare al meglio le risorse. Ai talenti in scena, quello di confermare la magia di un appuntamento che sa volare alto.

Esordio il 7 Luglio col professor Massimo Recalcati nelle vesti di drammaturgo e autore di AMEN. A seguire, una serie incrociata di spettacoli e suggestioni, che ai giovedì di prosa alterneranno proposte diverse e inedite.

E a proposito di Karakorum, al team di Stefano Beghi il compito di decentrare, coinvolgere e conquistare, scendendo nei quartieri ed esplorando le nuove traiettorie del disagio giovanile, complice un’elaborazione artistica dedicata ai tragici fatti delle Bestie di Satana, che insanguinarono il varesotto all’inizio del millennio.

Ricevi notifiche in tempo reale sul tuo dispositivo. Riceverai 1 notifica al giorno con la notizia di punta.