Liliana Segre in Consiglio Regionale

L'incontro con l'assemblea del Pirellone. Fontana: "Shoah è vulnus scolpito per sempre nella Storia. Occorre combattere oblio e indifferenza"

La Shoah è un vulnus scolpito per sempre nella Storia europea e italiana. Siamo chiamati a ricordarlo, a sentircene ancora responsabili, ogni anno, grazie alla Giornata della Memoria e al programma delle iniziative realizzate per allontanare il rischio di due mali terribili: l’oblio e l’indifferenza”.

Con queste parole il numero uno di Regione Lombardia Attilio Fontana ha salutato l’ingresso in Consiglio Regionale di Liliana Segre, testimone vivente dell’orrendo massacra perpetrato dai nazisti, ospite per un giorno dei lavori al Pirellone.

Parole condivise dal presidente dell’assemblea, Alessandro Fermi, il quale considera la senatrice a vita un esempio per le giovani generazioni, affinché “acquisiscano la consapevolezza di ciò che è stato e diventino vigili sentinelle di una società libera, plurale e democratica”.

Poi l’ulteriore intervento del governatore: “Ogni equivoco va chiarito, ogni eroe va celebrato, ogni giusto va riconosciuto. Per questo voglio ricordare, tra le più recenti manifestazioni di vicinanza, l’approvazione, da parte del Consiglio regionale lombardo, lo scorso 5 novembre, di una mozione a sostegno della Senatrice Segre contro gli attacchi rivolti alla sua persona e quella del 21 gennaio che impegna la Giunta a farsi portavoce presso il Governo nazionale e Istituzioni Europee dell’istanza di stesura di un codice dal quale emerga una chiara definizione di antisemitismo“.

Ricevi notifiche in tempo reale sul tuo dispositivo. Riceverai 1 notifica al giorno con la notizia di punta.