Mercato a due facce, Perusin: “Da noi equità e dialogo”

L'assessore al Commercio del Comune di Varese risponde alle polemiche degli ambulanti relegati alle spalle del teatro di Piazza Repubblica: "I più delusi? Credo siano coloro che hanno anche collezionato i maggiori arretrati. Le scelte sono state condivise coi rappresentanti di categoria"

Dialogo, equità, gradualità.

Per rispondere ai “ribelli” del mercato di Piazza Repubblica, coloro che (come documentato da Rete55 lunedì mattina, per rivedere il servizio clicca qui) si sentono tagliati fuori, relegati alle spalle del teatro e quindi lontani dal punto più frequentato e comunque penalizzati rispetto alla collocazione conquistata in piazzale Kennedy, 

Ivana Perusin non ha bisogno di consultare carte e spulciare documenti. Le decisioni prese dal Comune, dice, sono frutto di un tavolo di lavoro di un anno e mezzo. Non c’è una sola scelta che non sia stata condivisa con gli addetti ai lavori, compresa quella di parametrare la collocazione in base al pagamento del DURC, che attesta la regolarità contributiva di INAIL e INPS.

Qui la sua intervista a Matteo Inzaghi.

Ricevi notifiche in tempo reale sul tuo dispositivo. Riceverai 1 notifica al giorno con la notizia di punta.