Bianchi, operazione ZLS: “Una svolta per Malpensa”

L'onorevole leghista incassa il primo tassello di un percorso politico che potrebbe portare a nuovi regimi fiscali a favore dell'aeroporto varesino: "Ma le resistenze sono ancora molte: solo il gioco di squadra tra parlamentari del territorio può fare la differenza"

Il traguardo è ancora lontano, ma un primo passo è stato fatto.

Matteo Bianchi, deputato della Lega, porta a casa il sì del governo al possibile riconoscimento di Malpensa quale Zona Logistica Semplificata, normalmente prevista per le aree portuali e portatrice di vantaggi fiscali e rafforzerebbero la già prestante Cargo City della Brughiera.

La proposta, che apre una discussione ancora tutta da definire, vede la convergenza di due avversari politici, lo stesso Bianchi e l’esponente PD Alessandro Alfieri, i quali, nelle scorse settimane, hanno dato vita a una forma virtuosa di lobby territoriale, per portare sul territorio risultati concreti e ottenibili unicamente attraverso un gioco di squadra che prescinda dagli schieramenti.

Se la ZLS andasse in porto, il nostro territorio riuscirebbe là dove altre analoghe proposte politiche (ad esempio, la ZES) hanno incontrato le resistenze capitoline, ritrovandosi in un vicolo cieco.

Per rivedere l’origine del pragmatico accordo, clicca qui

Ricevi notifiche in tempo reale sul tuo dispositivo. Riceverai 1 notifica al giorno con la notizia di punta.