Compagnoni corre, svolta a Luino

L'annuncio di Forza Italia, Fratelli d'Italia e Noi con l'Italia: "L'ex vicesindaco sarà il nostro candidato. In campo con una sola lista civica guidata da Andrea Pellicini". Il medico: Lusingato e commosso"

Franco Compagnoni si candida a sindaco di Luino.

L’annuncio è dei partiti che lo sosterranno: Fratelli d’Italia, Forza Italia e Noi con l’Italia, che annunciano la corsa dell’ex vicesindaco, sostenuto da una sola lista civica, capitanata dal primo cittadino uscente, Andrea Pellicini.

La scelta, scrivono i partiti di centrodestra in una nota, è seguita a quella che definiscono “l’incredibile scelta della Lega di rompere la coalizione e correre da sola a sostegno di Alessandro Casali”.

Nei giorni scorsi i vertici provinciali dei partiti, a partire dal leghista Matteo Bianchi e proseguendo con la meloniana Paola Frassinetti e l’azzurro Caliendo, avevano auspicato la ricucitura dello strappo, originato dal veto del Carroccio alla candidatura di Lorena Cesarin. Evidentemente, i tentativi sono andati a vuoto, a dimostrazione di dinamiche locali sempre più svincolate da logiche di scuderia.

E così, ecco il colpo di scena, che a fronte di un centrodestra diviso vede il riavvicinamento di Compagnoni a Pellicini.

Il medico dell’ospedale di Luino, infatti, attualmente in consiglio comunale quale esponente di opposizione de L’Altra Luino, formò quest’ultimo soggetto politico nel 2015, quando uscì dalla giunta Pellicini e sfidò il sindaco candidandosi contro di lui, ma venendo sconfitto.

Oggi sarà proprio lui a tentare la riconquista del Comune, supportato dal coordinatore provinciale di Fratelli d’Italia e da un centrodestra che, senza la Lega, scommette il tutto per tutto.

Nel pomeriggio è lo stesso Compagnoni a farsi sentire, con una nota nella quale si dice lusingato e commosso, ringrazia chi, in queste ore, gli ha comunicato stima e sostegno (compreso, afferma, qualche esponente della Lega) e lancia un appello allo spirito di squadra: “Ho lavorato con Pellicini, ma anche con Casali e Cataldo. Credo che la cosa importante, in un momento delicato come questo, sia restare uniti e remare tutti nella stessa direzione“.

Nella sua lettera il candidato auspica che tutti gli attori politici in campo riconoscano un unico nemico da battere: il Covid e l’emergenza che ha portato con sé.

Difficoltà che lui, da medico ospedaliero, ha affrontato giorno dopo giorno, nei mesi più difficili della nostra Storia recente.

Ricevi notifiche in tempo reale sul tuo dispositivo. Riceverai 1 notifica al giorno con la notizia di punta.