Luino svolta, Bianchi: “Prima la squadra, poi pancia a terra”

Il centrosinistra conquista la città lacustre, complice la spaccatura del fronte opposto, diviso in due tronconi e un terzo incomodo. Il neo sindaco festeggia coi fedelissimi e promette di concentrarsi da subito su giunta, lotta al covid e bilancio

Il clima è quello tipico di ogni svolta. I volti stupiti, l’euforia di alcuni, i musi lunghi degli altri.

A Luino Enrico Bianchi ha fatto l’impresa, complice una spaccature della maggioranza uscente che ha decretato la sconfitta del centrodestra.

Le prime parole del neosindaco rispecchiano l’onore delle armi: “Tra gli avversari conto persone che stimo e veri e propri amici. Mi aspetto una dialettica vivace, ma caratterizzata dal dialogo“.

Priorità massima alla lotta contro il covid. Dopodiché, formazione della giunta a stretto giro e focus sui margini di bilancio. Rete55 lo ha intervistato a caldo.

E il centrodestra? Diviso, sconfitto e malconcio. L’unica consolazione spetta al consigliere più votato: Andrea Pellicini, sindaco uscente, porta a casa 277 preferenze.

Ricevi notifiche in tempo reale sul tuo dispositivo. Riceverai 1 notifica al giorno con la notizia di punta.