Tomasella, outsider disobbediente che sfida le coalizioni

Parla il candidato sindaco di Varese Libera, che si definisce un baluardo per i concittadini che che credono nel lavoro, nell'accoglienza, nello sport. E nella Costituzione

“Per molti mesi siamo stati gli unici a fare davvero politica. Mentre i partiti imprigionavano famiglie e lavoratori, noi credevamo nella disobbedienza civile e nel rispetto della Costituzione”.

Parole di Francesco Tomasella, che nell’intervista rilasciata a Matteo Inzaghi spiega i motivi che lo hanno convinto a candidarsi sindaco per Varese Libera.

Tra gli obiettivi, parcheggi a disco orario, valorizzazione delle palestre e abolizione della Tari per tre anni.

Ricevi notifiche in tempo reale sul tuo dispositivo. Riceverai 1 notifica al giorno con la notizia di punta.