Ucraina, al San Matteo i primi 12 bimbi malati

Sono arrivati ieri a Pavia i primi due gruppi di piccoli affetti da patologie oncoematologiche, provenienti dall'ospedale di Kiev. Fontana: "Nelle prossime ore potremmo accogliere altri ragazzi". Rizzi: "Per loro tre traumi in uno: sofferenti, bombardati e trasportati per ore"

Sei bambini, conferma Damiano Rizzi di Soleterre, sono già arrivati a Pavia; altri 6 sono attesi nelle prossime ore. Altri ancora potrebbero essere accompagnati a breve.

Lo spazio c’è, le professionalità non mancano. La voglia di aiutare nemmeno.

Grazie a Regione Lombardia, alla ong Soleterre e ai vertici sanitari, l’Ospedale San Matteo accoglie i piccoli affetti da malattie oncoematologiche in fuga da Kiev: “Per i pazienti, spiega Damiano Rizzi di Soleterre, questa è davvero una prova durissima, spossante, difficile da capire”.

Siamo pronti a fare la nostra parteaggiunge il governatore Attilio Fontanaquando si tratta di fare del bene la Lombardia non esita neanche un istante“.

Ma come stanno i bambini? Ci risponde Marco Zecca, direttore del reparto di oncoematologia pediatrica del San Matteo: “Sono sotto controllo, anche se molto stanchi e provati, poiché già interessati da chemioterapia. Uno di loro, però, ci preoccupa più degli altri, perché ancor più debole. Nelle prossime ore il quadro sarà più chiaro”. 

Ricevi notifiche in tempo reale sul tuo dispositivo. Riceverai 1 notifica al giorno con la notizia di punta.