Vaccini Schiranna e Rancio, ottima partenza

Il primo week-end vede eseguito più del 90% delle somministrazioni programmate. Al momento, le linee attive a Varese sono 8, in Valcuvia 6. Dall'8 Aprile, dosi permettendo, aumenteranno entrambe. Circa 2 mila le persone accolte da sabato mattina

Oltre 1.100 somministrazioni nell’area Schiranna, più di 800 a Rancio Valcuvia.

Sono i primi numeri dei nuovi centri vaccinali inaugurati sabato mattina (per rivedere il servizio e riascoltare le parole delle istituzioni presenti, compreso il Ministro della Difesa, clicca qui).

Al momento, delle 20 linee previste a Varese e delle 10 predisposte in Valcuvia, ne sono attive, rispettivamente, 8 e 6. Dall’8 Aprile, ne saranno avviate altre 2 in ciascun polo. Fino al raggiungimento del potenziale massimo: 2.800 alla Schiranna, 1.400 a Rancio.

“Si tratta – spiegano da ASST Sette Laghi, cabina regia e fulcro operativo dell’impegno – di una partenza molto incoraggiante. Oltre il 90% delle somministrazioni programmate è andato a buon fine, con massimo rispetto della puntualità e con una gestione organizzativa impeccabile”.

Il numero programmato di vaccinazioni e, di conseguenza, quello delle linee vaccinali attivate, è proporzionato al numero di dosi disponibili.

“Encomiabile – prosegue l’azienda – l’impegno profuso dalle numerose forze in campo. Il riferimento non è solo al “braccio operativo”, cioè quello dei vaccinatori, ma anche quello logistico e “registico”, come l’Operation Management, cui spetta il compito di coordinare e smistare le dosi di vaccino, i tempi di consegna, le modalità di conservazione e così via.

Ricevi notifiche in tempo reale sul tuo dispositivo. Riceverai 1 notifica al giorno con la notizia di punta.