“Vaccino esteso e anticipato”. Molina, decessi a +26%

Sintesi delle dichiarazioni rilasciate in consiglio comunale dal Direttore Generale di ATS Insubria e dal Presidente della Fondazione di viale Borri Guido Bonoldi. Ondata autunnale, pronta una cabina regia tecnica di prevenzione

Un’ora e mezza di domande, risposte, relazioni e chiarimenti.

La gestione varesina del Covid finisce sui banchi di un consiglio comunale semi virtuale, con la presenza fisica dei relatori in salone estense e quella online di partecipanti e spettatori.

Sulla scorta dei difficili mesi passati, il presidente di Fondazione Molina, Guido Bonoldi, indica nel 7 Aprile la data in cui la struttura ha iniziato a eseguire tamponi e snocciola i numeri relativi a contagi, soggetti positivi e decessi, aumentati di un quarto rispetto all’anno scorso.

Inutile sottolineare il drammatico effetto sorpresa di una pandemia piombata sui luoghi più fragili senza che nessuno ne conoscesse peculiarità, effetti e velocità di contagio.

Il fatto che nessuna RSA di ATS Insubria abbia accolto malati covid in arrivo da fuori ha sicuramente limitato contagi e decessi“, precisa il direttore generale Lucas Gutierrez, intervenuto in consiglio per un quadro delle azioni intraprese dall’Agenzia e rispondere a chi ha accusato ATS di aver eseguito meno tamponi del necessario.

Ma cosa succederà in Autunno? “Nella malaugurata ipotesi di una seconda ondata, afferma Gutierrez, ci faremo trovare pronti: una cabina regia tecnica è già pronta ad entrare in azione e il vaccino antinfluenzale verrà esteso e anticipato“.

Ricevi notifiche in tempo reale sul tuo dispositivo. Riceverai 1 notifica al giorno con la notizia di punta.