Canottaggio, Varese torna ai remi

Dal 9 all'11 Aprile i Campionati Europei porteranno alla Schiranna 600 atleti. Pochi giorni prima si svolgeranno le qualificazioni olimpiche e paralimpiche. Prevista la "coabitazione" tra gare sportive e centro vaccinale

Si torna a parlare di canottaggio, a Varese, terra remiera che da troppo tempo, a causa dell’emergenza, si vede costretta ad annullare evento di rilievo internazionale. Tra 30 giorni esatti (dal 9 all’11 Aprile) è previsto il Campionato Europeo sul Lago di Varese.

Ciò significa il ritorno alla Schiranna di 600 atleti, cui si aggiungeranno i rispettivi staff (per un totale di oltre 1500 persone). Una boccata d’ossigeno per il settore alberghiero e, più in generale, per la ripresa del settore turistico, così duramente provato.

Ma non è tutto: pochi giorni prima, dal 5 al 7 Aprile, è in programma la Regata Europea di Qualificazione Olimpica e Paralimpica, ocon un centinaio di partecipanti. Le manifestazioni sono state ufficialmente presentate oggi da Comune, Provincia, Camera di Commercio, Canottieri Varese e Federazione Canottaggio.

Unica incognita logistica sarà la convivenza forzata tra i campionati e il centro vaccinale allestito proprio in località Schiranna. Gli organizzatori garantiscono che tutto è stato calcolato e previsto, complice il fatto che le gare si svolgeranno, per motivi di sicurezza, a porte chiuse. Facile immaginare, però, che in quei giorni, l’area del lago sarà frequentata da una nutrita (quanto eterogenea) quantità di persone.

Ricevi notifiche in tempo reale sul tuo dispositivo. Riceverai 1 notifica al giorno con la notizia di punta.