“DAD, il compito più difficile per chi ama insegnare”

Nella sua nuova psicopillola, la dottoressa Minazzi si sofferma su un problema spesso trascurato: "I docenti che sanno cosa vuol dire educare non possono prescindere dalla "presenza"

La Didattica a Distanza non si limita a rallentare il percorso di crescita e di istruzione dei più giovani.

Mette a dura prova i docenti, che nel migliore dei casi vedono il contatto e la “presenza” quali strumenti essenziali della loro quotidiana missione educativa.

Erika Minazzi si sofferma su un problema che, spesso, viene lasciato nell’ombra, per concentrarsi unicamente sul punto di vista dei ragazzi.

Ricevi notifiche in tempo reale sul tuo dispositivo. Riceverai 1 notifica al giorno con la notizia di punta.