“Il Lavoro che sfama, stanca e appassiona”

Erika Minazzi invoca un senso di responsabilità educativo: "Non lasciate che le incertezze fermino la ricerca della gratificazione professionale: il lavoro non deve solo saziare il corpo, ma anche l'anima"

Il Lavoro non può portare solo al sostentamento e al pagamento materiale dell’esistenza. Deve anche appagare l’anima, gli interessi, l’ambizione, più che legittima, di chi vuole dare un senso alla proprio vita attraverso l’impegno e la gratificazione.

Erika Minazzi riafferma un tema che ci accompagna da anni. Ma che oggi, complici le crescenti difficoltà in ambito economico, rischia di passare in secondo piano.

Ricevi notifiche in tempo reale sul tuo dispositivo. Riceverai 1 notifica al giorno con la notizia di punta.