Pietro Arese corre verso la laurea e le Olimpiadi

La giovane promessa del mezzofondo confida a Filippo Brusa i suoi obiettivi: il 16 dicembre diventerà ingegnere, nel 2024 vuole essere a Parigi

«Vincere nell’atletica significa guardare il cronometro che, a fine gara, si stoppa al tempo che abbiamo sognato per settimane, mesi, anni, e avere il sorriso sulle labbra per tutta l’ora, il giorno, la settimana successiva». Comincia con questa frase di Pietro Arese la trentaquattresima puntata di Vincere, dedicata da Filippo Brusa alla giovane promessa del mezzofondo italiano, in forza alle Fiamme Gialle.
Dopo aver abbandonato la pallavolo, Pietro ha iniziato a praticare atletica da adolescente, spinto dalla curiosità di toccare il tartan delle piste, e ora corre forte: verso la laurea in Ingegneria per la sicurezza del lavoro e dell’ambiente, che conseguirà il 16 dicembre, e – sta incominciato a crederci tanto – verso le Olimpiadi del 2024 a Parigi.

Ricevi notifiche in tempo reale sul tuo dispositivo. Riceverai 1 notifica al giorno con la notizia di punta.