L’ultimo saluto a Don Alberto, maestro di cultura e carità

Più di 550 persone hanno voluto dire addio al sacerdote, anima del Teatro delle Arti e punto di riferimento per intere generazioni

L’immagine della Basilica di Gallarate gremita e silenziosa per l’ultimo saluto a Don Alberto Dell’Orto, divulgatore di cultura, fede e carità, rimarrà impressa nella memoria di chi lo ha conosciuto e amato come l’ultima scena di una lunga storia che ha cambiato la città.

A Gallarate da 56 anni, Don Alberto era (e resterà per sempre) l’anima del Teatro delle Arti, dove ha ospitato artisti di fama internazionale quali Vittorio Gassman, Dario Fo e Moni Ovadia. Un uomo di cultura, ma non solo. “Per lui cultura e carità erano due sorelle inseparabili”, ha detto Monsignor Giovanni Giudici, vescovo di Pavia e – molti anni fa – compagno di seminario di un giovane Don Alberto.
“Ci ha insegnato che il sapere deve essere diffuso e condiviso per acquisire vero significato”, ha detto.
E don Alberto, dei valori della condivisione e della generosità ne aveva fatto uno stile di vita: era semplice e umile, sempre pronto ad aiutare, ad ascoltare, ad informare e ad informarsi. Amava leggere, confrontarsi, chiedere. Con una curiosità quasi infantile, che lo ha mantenuto giovane nella mente e negli intenti fino all’ultimo respiro.
Non è un caso che, tra le sue grandi passioni, vi fossero anche i burattini: custodiva una collezione da 289 pezzi, tra i quali uno che lo ritrae e a cui era molto legato.

Don Alberto lascia a Gallarate un segno indelebile. La sua eredità merita di essere custodita, valorizzata e coltivata. Spetta ora alla città saperlo fare, impedendo al sipario del Teatro delle Arti di abbassarsi per sempre.

Per rileggere l’editoriale di Matteo Inzaghi su Don Alberto Dell’Orto, clicca qui.

Ricevi notifiche in tempo reale sul tuo dispositivo. Riceverai 1 notifica al giorno con la notizia di punta.