Teatro di Varese, tra bancarelle e Politeama

Filippo De Sanctis chiarisce la posizione dell'Apollonio sulla parte di Mercato collocata alle spalle della struttura ("Convivenza difficile per motivi pratici"). E sul Politeama: "Noi abbiamo molte idee, ma si può convivere"

Da una parte gli ambulanti furibondi per la collocazione delle loro bancarelle, dall’altra le mille incognite che gravano sulla ripartenza dell’attività artistica e culturale.

Ospite di Matteo Inzaghi, il responsabile del Teatro di Varese Filippo De Sanctis sfoggia idee chiare e paletti precisi. Ai mercatari spiega i motivi delle sue perplessità, che non sono rivolte alle loro oggettive difficoltà, bensì alla difficile convivenza in quell’area.

Alla città, spiega quali sono le strategie di rilancio della struttura, destinata ad accogliere iniziative tutto il giorno, tutti i giorni. E sul Politeama? “E’ bene convivere – chiosa – altrimenti dovremo accontentarci di bar e supermarket”.

Ecco la sua intervista.

Ricevi notifiche in tempo reale sul tuo dispositivo. Riceverai 1 notifica al giorno con la notizia di punta.