Maroni-Salvini, sempre più distanti

Si amplia il divario politico tra i due big della Lega

Divergenze sempre più frequenti, tra il governatore Maroni e il leader della Lega Salvini. Ultimi esempi, il plauso del Bobo all’opzione Errani quale commissario del dopo terremoto e la nomina di Antonio Di Pietro ai vertici di Pedemontana. Decisioni che, al contrario, al segretario federale del Carroccio non sono piaciute affatto.

Ricevi notifiche in tempo reale sul tuo dispositivo. Riceverai 1 notifica al giorno con la notizia di punta.