“Noi riapriamo. Siamo privati al servizio del pubblico”

Due storici ristoranti di Varese, Teatro e Gestore, riaprono le proprie attività e si smarcano dalla "prolungata chiusura" annunciata da alcuni titolari del centro storico. "La nostra vita - dicono in coro - è a contatto con la gente. Il Take-away non c'entra con la filosofia della nostra professione"

Dopo aver dato voce ai baristi di Varese intenzionati a tenere chiusi i locali, ecco un paio di ristoranti che hanno deciso, invece, di riaprire i battenti. Si tratta del Teatro, immerso nel cuore della città, e il Gestore, cui fa da cornice la splendida villa di viale Aguggiari. Entrambe le attività si smarcano dalle affermazioni dei colleghi di molti locali del centro che sabato, in un videomessaggio a Rete55 (per riascoltare la loro voce, clicca qui) hanno annunciato l’intenzione di prolungare la chiusura. Angelo Mogavero e Diego Di Ghionno, titolari di Teatro e Gestore, fanno una scelta diametralmente opposta. Il primo è già operativo da oggi, il secondo lo sarà da giovedì.

Ma fermi restando gli accorgimenti legati alla sicurezza, perché la scelta di ripartire appena possibile,  anziché attendere? Perché la nostra professione, dicono, si riassume nel contatto col pubblico.

Entrambi i locali hanno provveduto a servizi di delivery e takeaway. Ma si tratta di palliativi, che nulla c’entrano con l’anima del mestiere di ristoratore. Perché, dicono in coro Mogavero e Di Ghionno, un autentico ristoratore passa gran parte della propria vita tra sala e cucina.

Per ascoltare altri ristoratori e baristi interpellati da Rete55, clicca i seguenti link:

Corte dei Brut

I Bar di Varese. “Restiamo chiusi”

Il grido di chef Emanuele, Legnano

Gennaro Francese

Mimmo Esposito

Ricevi notifiche in tempo reale sul tuo dispositivo. Riceverai 1 notifica al giorno con la notizia di punta.